Employer Branding significa saper generare emozioni

Scritto da Mattia Murnigotti

December 27, 2020

“Vendere è trasferire emozioni. Se io non mi fido abbastanza di te da credere alla tua storia, non ti ascolterò” (Seth Godin)

“Se ti prenderai cura dei tuoi dipendenti, loro si prenderanno cura dei tuoi clienti. C’è bisogno di una forza lavoro impegnata, coinvolta e motivata per produrre un prodotto o fornire un servizio di prima classe e costruire così un’impresa sostenibile e di successo” (Richard Branson)

Stiamo vivendo un’epoca segnata dall’innovazione, non solo tecnologica ma anche di pensiero e di struttura per l’azienda, in cui (finalmente) il concetto di cliente e talento si sta sovrapponendo sempre di più, consentendo di focalizzarci sul valore della comunicazione in termini di coinvolgimento e partecipazione con le caratteristiche distintive del Brand (valori, missione, visione, purpose = Brand Promise).

Questa innovazione di pensiero impatta, quindi, anche chi fa della comunicazione il suo lavoro all’interno dell’azienda: l’HR che sempre più deve imparare ad essere comunicatore di valore con le persone che già costituiscono il cuore (e l’anima) dell’azienda, ma altresì deve comprendere quali sono gli aspetti di maggior attrattività della propria realtà aziendale, così da poterli “vendere” ai Talenti con i quali dovrà interfacciarsi all’interno della strategia di Employer Branding.

Cosa significa imparare a “vendere” per un HR?

“Saper vendere il proprio lavoro” per un professionista HR potrebbe sembrare una provocazione che solo pochi anni fa sarebbe stata guardata con sospetto. Invece oggi rappresenta una vera e propria opportunità per dimostrare ai più scettici (soprattutto all’interno dell’azienda) che anche il team delle Risorse Umane contribuisce direttamente alla crescita del business.
Per farlo, però, è necessario comprendere il valore dell’evoluzione in questo campo, oltre che conoscere i nuovi bisogni che stanno impattando il mercato del lavoro.

Partendo, in primis, dal fatto che è cambiata la realtà sociale nella quale viviamo e all’interno della quale le imprese operano: una società, quella odierna, definita addirittura “liquida” dal sociologo e filosofo Zygmunt Bauman.

Sicuramente una società completamente differente rispetto anche solo a quella della generazione precedente (Generazione X o Baby boomers) e che considera importanti valori, obiettivi, atteggiamenti, scopi, ecc., molto diversi rispetto a quelli individuati come fari-guida nelle società precedenti.

Proprio questa diversità generazionale nelle diverse epoche, apre un primo importante punto di auto-analisi per le aziende: come posso operare agilmente ed essere attrattivo nella nuova società, senza perdere le mie caratteristiche fondanti?

Sicuramente non è una domanda banale, ma rispondervi non è impossibile come potrebbe sembrare.

È molto più ‘semplice’ di quanto si pensi se questa domanda è affrontata e vissuta con l’insieme di persone che già vivono all’interno dell’azienda.

Vuoi scoprire i benefici che può portarti l'Employer Branding?

Altri articoli che ti potrebbero interessare..

Comunicare bene all’interno delle imprese per generare valore

Comunicare bene all’interno delle imprese per generare valore

Utilizzando i giusti strumenti tecnologico-strategici e condividendo gli obiettivi con i propri collaboratori, è possibile trasmettere messaggi efficaci e aiutare i dipendenti a fare esperienza continua e concreta della cultura aziendale, favorendone il coinvolgimento diretto in azienda e...

read more
Attrarre i Talenti con l’Employer Branding e l’EVP

Attrarre i Talenti con l’Employer Branding e l’EVP

In un mondo del lavoro che, oggi come mai prima d’ora, vede le Organizzazioni sempre più in competizione per mantenere ingaggati e attrarre i collaboratori più talentuosi, la capacità di costruire una leadership di Brand come ‘Datore di lavoro’ passa dal coordinamento strategico tra Employee Value...

read more

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. HR Marketing emozionale: perchè le pesone scelgono un brand | Mattia Murnigotti - […] azione permette di rispondere alla domanda cruciale dell’Employer Branding: Qual è il mio valore […]

Leave a Reply